sabato 9 novembre 2013

GULASCH UNGHERESE (A MODO MIO)

Il Gulasch è un piatto tipico della cucina Ungherese che si è poi diffuso in tutta l'Europa centro-orientale, fino a diventare molto conosciuto anche qui in Italia. Deve cuocere a fuoco lento per 4 ore, quindi è una preparazione molto lunga, ma è talmente gustoso e sostanzioso che ne vale davvero la pena. E' un piatto unico, a base di bocconcini di manzo o bovino adulto che vanno cotti nel brodo con le verdure e accompagnati poi da riso o patate. Io ho preparato la versione con il riso, ovviamente è la mia versione personale, quindi la ricetta originale è stata abbastanza rivisitata. Come noterete non è molto denso perchè non ci sono le patate, qualora preferiate aggiungerle, il piatto finale risulterà molto più corposo. Io ho preferito lasciarlo più liquido per accompagnare meglio il riso.



INGREDIENTI
  • 6/7 cipolle medie
  • 3 carote grandi
  • 1 kg di bocconcini di bovino adulto
  • 1 e ½ di brodo vegetale
  • sale e pepe qb
  • 5 cucchiai di olio evo Schirinzi
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 50gr paprika
  • 1 peperoncino
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • maggiorana
  • 300gr di riso Cascina Alberona


PROCEDIMENTO
Taglio le cipolle, tritandole finemente insieme alle carote. In tegame grande con i bordi alti, verso 5/6 cucchiai di olio evo e faccio appassire a fuoco molto basso le cipolle per circa 40 minuti. In una casseruola faccio rosolare con poco olio extra vergine d'oliva i bocconcini di bovino. A metà cottura (5 min circa), sfumo la carne con mezzo bicchiere di vino bianco. Bastano 10 minuti, si devono soltanto rosolare esternamente. A questo punto verso i bocconcini di carne nel tegame con la cipolla e le carote, aggiungo 2 cucchiai di concentrato di pomodoro, ½ cucchiaino di pepe, 50 gr di paprika, 1 peperoncino e la maggiorana. Amalgamo gli ingredienti con un cucchiaio di legno, per far si che la carne si insaporisca bene. Aggiungo anche 1 litro e ½ di brodo vegetale, e lascio cuocere il tutto a fiamma bassa per 4 ore circa. Potete decidere se farlo rapprendere di più o di meno a seconda del vostro gusto personale. Io l'ho accompagnato a del riso in bianco quindi ho preferito servirlo meno denso.


9 commenti:

  1. Che sei una brava cuoca lo sapevo già , ma questo piatto che hai preparato è davvero da leccarsi i baffi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero è delizioso, è la prima volta che lo faccio ma da oggi lo farò molto più spesso!

      Elimina
  2. mamma che buono...lo voglio provare,dev'essere squisito...bravissima come sempre Carmen :)

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia di piatto! Io non sono una "carnivora" per antonomasia, ma un piatto così lo assaggerei ad occhi chiusi. Mi piace l'accostamento col riso, brava!

    RispondiElimina
  4. Mamma mia è molto invitante,lo mangerei volentieri.

    RispondiElimina
  5. Non ho mai fatto questo piatto anzi sinceramente conoscevo solo il nome ma non la ricetta! Sembra buonissimo appena avrò un po' più di tempo lo voglio provare a fare:)

    RispondiElimina
  6. Sono curiosa di provarlo sembra uno spezzatino ma più saporito! Col riso poi basta come primo e secondo, lo voglio fare. Buona domenica :)

    RispondiElimina
  7. mi stupisci ogni volta...se il freddo comincia a farsi sentire..voglio rifarla questa ricetta...con il riso piatto unico e hai risolto la cena:)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento.
Si precisa che qualsiasi commento che contenga SPAM o pubblicità sarà censurato o cancellato senza preavviso.